Tama Superstar

tama superstarBatteristi professionisti e amatoriali conoscono e riconoscono con spiccata agevolezza un set della Tama. Industria nipponica leader nel settore delle batterie economiche, nata agli inizi degli anni ’60. “Tama” in giapponese significa “gioiello”, ma per la casa produttrice la preziosità è stata un anti-ideale per molti anni. All’inizio della loro produzione i legni erano soprattutto caratterizzati dal mogano filippino, materiale resistente e poco costoso. Si puntava al risparmi, all’economico, allo smart…

Col passare del tempo però la Tama ha sviluppato modelli sempre più curati e professionali in betulla e acero. Strumenti apprezzati per il suono versatile, pieno, diretto, e per l’elasticità delle pelli di tom, timpano e cassa. La Superstar è una delle serie più famose e premiate della Tama, un modello che si sposa alla perfezione con estetica rock, blues-rock e punk-rock. Una precisazione d’obbligo prima di cominciare… Esistono due tipi di Superstar: il modello introdotto negli anni ’80 con fusti di betulla e tiglio (nata come evoluzione della Superclassic Performer e gemella della Rockstar) e il modello attuale super-economico per non professionisti, prima prodotto in bubinga (Maple o Performe con i tom hyper drive) poi in betulla e solo uno strato di tiglio. Sia chiaro, anche la Superstar “classica” è una batteria di fascia economica, ciò nonostante ha un suono soddisfacente che stupisce alla luce del legno misto, una timbrica originale e buone meccaniche.

D’altra parte è impossibile criticare la Superclassic del 2006, una batteria economica (i ragazzi definiscono “di battaglia”), che per rapporto qualità-prezzo non teme confronti, specie se settata e accordata a dovere. La Superstar in betulla ha conosciuto diverse versioni, la Superstar Custom Hyper Drive, la Superstar EFX Hyper Drive e, naturalmente, la Superstar Hyper Drive. Nella sua versione tipo si presenta con cassa 22’’, (mezzo sospeso) tom 10’’, (mezzo sospeso) tom 12’’, timpano 14’’ e rullante 14’’ x 5,5’’ in legno. La Superstar modello base ha sei strati di betulla e uno di tiglio, finiture warp (non laccate, ma semplicemente incollate). La Custom è più curata nelle meccaniche, nel sistema star-cast per il montaggio dei due tom e presenta venature (sempre warp). La EFX ha un look più vintage, fusti ricoperti. La novità della nuova serie sta nei blocchetti sound bridge high tension lug che bloccano i tom e proteggono il fusto con distanziatori in gomma. I suoni sono bilanciati da cerchi die-cast in zinco e mantengono bene le frequenze medio basse, e gli attacchi risultano pronti e decisi. Le nuove aste sono facilmente regolabili e sicure…

Autore dell'articolo: Music Addiction

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.