«

»

U BIT – Tales for Digital Bodies

U BIT - Tales for Digital BodiesU BIT è il nome del progetto di synth-rock messo in piedi da Giuseppe Vitale (voce), Claudio Buondonno (basso), Alessandro Messina (chitarra), Matteo Postorino (tastiere) e Paolo Meneghini (batteria). Una band nata tra La Spezia e Reggio Emilia, e con all’attivo già un EP, “Humans Outer Space”, in cui prevalevano tendenze spiccatamente rock. Ma con l’album lungo gli U BIT hanno provato ad allargare le loro prospettive musicali investendo un po’ di furbizia e di sano cinismo. Perché non metterci dentro un po’ di elettronica? Perché non vivacizzare il sound puntando sul ritmo e su arrangiamenti più contemporanei ma comunque velati di fascino vintage? Si sa che ormai l’electro contamina ogni aspetto delle nostre vite. E chi vuole vivere a contatto con il proprio tempo deve farci i conti, e magari guadagnarci qualcosa… L’album “Tales for Digital Bodies” è proprio quello che si propone di essere: undici brevi racconti su come si vive oggi, focalizzando l’attenzione non tanto sulle reazioni delle menti quanto sull’importanza delle apparenze fisiche e dei corpi, come argini di umanità contro il rischio di spersonalizzazione imposto dal domino digitale e dalla potenza tecnologica. Dopo una partenza che ricorda gli ultimi Radiohead mischiati ai classici Depeche Mode (“Ut”; “Just A Piece”), il disco trova una direzione di efficace contaminazione di istanze synth-pop, new wave, indie rock e sperimentale strizzando l’occhio a sonorità non distanti dalla poetica new-industial dei Nine Inch Nails (“No Other Name Left”) o a effetti atmosferici creati con tappeti sonori e incastri ritmici molti prossimi alle soluzioni tonali delle ultime composizioni digitali di XXYYXX. Torna in mente anche il pop tastieristico anni ’80 dei Tears for Fears e dei Talk Talk, poi si respira un po’ di presunzione artistica figlia dello studio degli Alt-J.

La buona riuscita del lavoro si deve sicuramente a un impasto sonoro costruito, ricercato, curato e portato avanti con gusto. Non mancano linee di basso intelligenti e massicce; funziona l’alternanza di batteria acustica ed elettronica con tanto di sedicesimi che riescono sempre a far drizzare le orecchie. Discreto è anche il lavoro dell’effettistica, appartenente a linguaggi ormai ben noti e logori ma mai fuori posto. Lo stesso si può dire per le voci, elemento presentato in varie salse e rispettando a pieno un ipotetico galateo del genere.

Gli U BIT hanno scelto di associarsi al movimento electro-pop alternativo, quindi non rinunciano a un minimo di ricerca e di sperimentazione. Non pretendono di arrivare a tutti attraverso facili richiami EDM, né si nascondono dietro interminabili canzoni in cui c’è un sottofondo iper-minimale e un filo di voce con testi esistenzialisti. Gli U BIT hanno scelto di dare corpo ai propri pezzi mediante stratificazioni di suoni mai eccessivamente statici. E il gioco funziona.

Certo, la tensione dei corpi intesi come unica speranza di vita da contapporre a un’avanzata, inesorabile e cattivissima tecnologica si esprime attraverso armonie e ombre che generano toni malinconici. Nonostante ciò si tratta di un lavoro godibile per quasi l’intera durata dell’album, pieno di forza creativa e di vivacità. Un’opera non da relegare necessariamente nella serie di dischi da ascoltare quando fuori il mondo appare brutto e cattivo. “Tales for Digital Bodies” racconta forse una presa di coscienza meno stupida e superficiale del previsto: questa musica analizza ed esprime il mondo per così com’è, negli accenti positivi e negativi della realtà attuale, testimoniando cose più profonde e altre più sciocche, ma offrendo sempre uno spaccato sincero, al punto giusto tra il biografico e un’opinione espressa senza la pretesa di voler essere verità assoluta e insindacabile.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

_<_ _R_