«

»

Oltre Project 5et – Coloured Shadows

“Coloured Shadows” è il disco perfetto per conoscere l’Oltre Project 5et, il quintetto di Lorenzo Apicella (pianoforte), Francesca Fusco (voce), Luigi Tresca (sax soprano), Stefano Battaglia (contrabasso) e Francesco Merenda (batteria) sotto contratto con la Camilla Records. Pur essendo frutto di un lavoro di ricerca musicale, il disco risulta come un documento di facile ascolto e dai contenuti estetici abbastanza chiari. Anzi, sembra proprio che la band non voglia lasciare nessuna possibilità di opacità interpretativa. Infatti affiancano al cd un dettagliatissimo booklet, contenente non solo i testi dei brani ma anche una breve spiegazione ermeneutica del concetto che c’è alla base degli stessi. Insomma: impossibile fraintendere.

A fare da apripista è “Oltre”, un brano in cui a intrecciarsi sono “Cosa sono le nuvole” di Pasolini e “Music for Large & Small Ensemble” di Kenny Wheeler. La voce si occupa dell’introduzione e del finale, senza invadere il cuore strumentale del movimento.

La contaminazione tra musica e arti varie (poesia, narrativa, pittura, architettura) è un elemento che tornerà nel terzo brano, “Rainbow”, in cui è stata l’opera dell’architetto Oscar Niemeyer a giocare un ruolo fondamentale come spunto iniziale. Siamo in bilico tra soft-jazz, world music, lounge e classica contemporanea, ma non ci si perde nelle intenzioni: la sezione ritmica e il sax badano al sodo e puntano alla freschezza.

Pur essendo ispirato a un preludio di Chopin, il secondo brano del disco, “Goccia d’acqua”, intende porsi come la traccia di una ricerca musicale scaturita da fusione di generi differenti: classica e jazz, lounge e newage, improvvisazione e tropicalia.

Al centro del disco c’è “Forbidden Colours”, un riarrangiamento del celebre brano di Sakamoto: il piano originale acquisisce un groove che ben si contrappone al tono fondamentale, a quell’atmosfera molto romantica, molto evocativa e fin troppo intimistica.

Con “Sounds of Childhood” si ritorna a pieno titolo nel campo della ricerca, o meglio del recupero: il brano esplora i suoni che tutti abbiamo ascoltato più spesso durante l’infanzia, dalla ninna nanna alle campane; dai carillon ai giocattoli sonori. Suoni di vita vissuta sono protagonisti anche in “Mare Nostrum”, composizione ispirata ai rumori mediterranei.

“Obsession” e “Rio de Janeiro” sono i brani designati alla conclusione del disco. Scelta appropriata: ogni musicista ha l’occasione per farsi valere, mentre le poliritmie riescono a catturare l’attenzione anche dell’ascoltatore più profano.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

___◄ R___