«

»

Daniel Barbiero e Cristiano Bocci – Nóstos

Daniel Barbiero e Cristiano Bocci - NóstosCome si faceva nei vecchi libri di testo, il comunicato stampa presenta il disco partendo dal significato e dall’etimologia del titolo: “Nóstos”, dal greco “tornare a casa”, un termine che funge da radice della parola “nostalgia” (nóstos più algos, sofferenza)… Si potrebbe aggiungere che tutta l’epica antica si basa sul concetto di nóstoi, ovvero dei ritorni: quello di Odisseo, quello di Giasone, quello di Teseo, Menelao, Agamennone, Enea…  Qui però il viaggio è compiuto solo dai contenuti, attraverso l’invio e la ricezione di appunti sonori. Il progetto discografico è nato dalla collaborazione di due estimatori delle basse frequenze, il contrabbassista Daniel Barbiero (da Silver Spring, MD USA) e il bassista e sound artist Cristiano Bocci (da Follonica, Italia). E come si evince dall’inusuale accostamento delle città di provenienza, “Nóstos” è il risultato di una collaborazione intercontinentale, una vera e propria “impresa sonora contemporanea”, figlia della rete e della tecnologia cloud.

L’album, pubblicato da Acustronica, contiene ben otto brani, otto opere elettroacustiche ed elettroniche per contrabbasso e basso elettrico. Non si tratta né di performance né di brani costruiti a tavolino, ma di elaborazioni e rielaborazioni di frammenti musicali raccolti nel tempo. Tipo artigianato libero e umorale. In pratica si parte da qualche spunto di contrabbasso solista: progressioni di accordi, fughe, piccole improvvisazioni… Passaggi che dopo vari montaggi e smontaggi vengono riassemblati in una costruzione finale multistrato. In tal senso, “Nóstos” è un prodotto in grado di manifestare abbastanza chiaramente il frutto di una ricerca artigianale fatta di intuizioni progressive, intuizioni condivise, con varie ramificazioni, che sanno snodarsi su diverse timbriche, armonie e ritmi.

Realizzare un disco del genere è già in partenza un’operazione complessa: realizzarne uno che sia effettivamente godibile è un piccolo trionfo. Brani come quello di apertura, “Gli Alberi, a Gennaio”, e “Contrabbassi in Marcia” sono pezzi capaci di destare stupore e, a tratti, quell’inquietudine che tiene l’ascoltatore, anche quello più profano, col fiato sospeso fino all’ultima nota. Lo stesso vale per “L’ultimo Treno per Follonica”, in cui echeggiano suoni molto suggestivi e moderni – niente a che fare però con il Morricone del film di Aldo Lado.

Non mancano poi brani maggiormente degni di interesse dal punto di vista produttivo e coinvolgenti per gli addetti ai lavori, come ad esempio “Quando il Pubblico Incontra le Frequenze Basse”, “Bordeaux su Nero sopra il Grigio” e “Se il Tempo Fosse un Branco di Pesci”, dove il preziosismo tecnico incontra un gusto neoclassico ricco di novità e sorprese. Nei suddetti casi, infatti, chi non è abituato ad ascoltare musica elettroacustica potrebbe lasciarsi sfuggire molte delle finezze di ricerca timbrica e fraintendere il senso della composizione…

Il disco è in streaming gratuito sul sito dell’etichetta, Acustronica, sia in formato .flac che in .mp3. Un motivo in più per lasciarsi tentare.

1 ping

  1. two reviews | daniel barbiero

    […] One Nor, which was released a few years ago on the Zeromoon label. And, Music Addiction has a fine review of Nostos (in […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

_<_ _R_