YATTA – Spirit Said Yes! (PTP, 2017)

Canti arcani, immagini di nostalgia tracciate con movimenti pigri di note e parole, battiti rovinati, dispersi e convulsi, chitarre rumorose e catene scricchiolanti, frequenze gonfie che crollano su lunghe note di violoncelli tragici, frammenti di melodia soul e drone music. Ricerca di spazio e di tempo, di vuoti e pieni spirituali, di un nuovo luogo di espressione e di vita attiva, dentro e fuori il dolore dell’esistenza. Così la poetessa e musicista newyorkese di origine sierraleonese YATTA dirige la sua arte in “Spirit Said Yes!”, ep uscito alla fine dell’anno scorso su PTP e ora ristampato in versione estesa e deluxe. Una collezione di tracce in bilico tra recuperi di suoni tradizionali dell’Africa centroccidentale e progressioni astratte e distruttive, come esperimenti vibranti di trauma e contrapposizione tra atavismo e delirio ipertecnologico. Avanguardia negativa e sfuggente, con la voce che appare e scompare come morbido e affascinante fumo, teso al luogo naturale degli spiriti, in evasione da un disastro o da una gabbia di angosciante sicurezza.

Nelle strutture opache, edificate su ritmiche distanti, indecise tra la fredda forma electro e il tiepido feeling post-jazz, un canto di fragile speranza e antica devozione (“Intro”) si insinua sotto l’aggressione patetica operata da frequenze neutre distorte e rumori crescenti (“Cyborg”), tra violini mielosi e insistenti, chitarre violente e beat innaturali… E anche se molti suoni si impegnano ad evocare le armosfere più spaventose, contorte e precarie di un futuro disumanizzato (“heath2home”), rappresentando l’inferno meccanico di un dominio di schiavitù e caos, c’è sempre un accenno melodico che rinnova il senso della vita come capacità di commuoversi, innamorarsi e provare emozioni (“Desert Song”)…

Poi con chitarra arpeggiata e voce cristallina, YATTA s’inventa un jazz antico e cabarettistico pieno di tristezza e ironia, con le frasi melodiche che implodono e si deformano allontanandosi da se stesse e dal proprio significato (“Ain’t Misbehavin”). Vengono raccolti fiori da discorsi catturati per caso, risate e vocali stirate come droni chr si affacciano su arrangiamenti pseudo etnici (“Ritual”), rumori industriali e lamenti melodici aperti alla confessione spirituale (“We Never Went to Church”). Tutto sembra vago, delicato, nonostante l’utilizzo di distorsioni e manipolazioni. Pare di sentire una richiesta continua e sincera. Una voce dice che c’è qualcosa che manca, qualcosa a cui vorremmo stare più vicini o vorremmo dare di più. Persone, ricordi, luoghi, idee. Noi stessi. Gli altri. Nessuno. Il passato. O il luogo da cui siamo partiti. Cosa eravamo prima di divenire chi non siamo davvero.

[settemeno]

Autore dell'articolo: Giuseppe Franza

cose che mi piacciono: cocacola, nietzsche pre-crepuscolo degli idoli, sonic youth, goleador (alla cocacola), céline, mario bava, controriforma, hegel, le anime morte, penne staedtler permanent, giambattista basile, segnalazioni cinematografiche del centro cattolico, the stooges...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.