«

»

Golden Shower – The Strage Case of The Alaskan Dragon Breath (Area Pirata, 2013)

Golden Shower - The Strage Case of The Alaskan Dragon Breath (Area Pirata, 2013)Titolo e copertina richiamano apertamente quel piccolo capolavoro di genere intitolato Lo Strano Caso della Signora Wardh di Segio Martino del 1971… Con Edwige Fenech. È la seconda volta che cito la Fenech in una recensione… Strano? No, ci sono diverse ragioni. Primo perché è usanza più o meno istituzionalizzata dell’ultimo rock ostentare influenze cinematografiche relative alla stagione del b-movie italiano… Secondo perché sono un grande fan della Fenech prima maniera. Quella delle pellicole horror, musa stupita (e non stupida) di Sergio Martino, e primo piano d’eccezione non ancora trasformato in profilo nudo spiato dalla fessura. Ma siamo arrivati a quella che Hegel chiamava la negazione della negazione, alla saturazione della rivoluzione (e rivalutazione) del cinema di genere a basso costo.

Ciò che era cult oggi non fa tanto stupore, anzi è di nuovo un po’ cafone, perché assodato, tedioso, scomputato. Anzi, il termine “cult” in sé è veramente fuori moda e si sta trasformando piano piano in una parolaccia. Critici raffinati e intellettuali pop evitano accuratamente di pronunciarla spaventati dal luogo comune. Ma noi siamo fuori moda e fortemente ancorati al bene e al bello di quel cinema cattivo e brutto, dunque apprezziamo la scelta dei Golden Shower che citano graficamente, concettualmente e musicalmente la materia b-movie. Ma non c’è solo questo, naturalmente.

Il gruppo toscano, ormai al terzo disco, ci mette molto rock ‘n roll venato di punk. Musica tornita e ben arrangiata con un sax che riscalda l’ambiente e ritmiche che osano passaggi orgogliosamente RnB. I Golden Shower ci sanno fare e non si limitano al sound di “Fun House” degli Stooges. Si affacciano nel rockabilly, rifanno gli Stones più acidi e riattualizzano il beat italiano con un brano dal titolo ancora immaginifico… “The Dio Serpente”, un altro richiamo a uno pseudo mondo-vodoo-movie erotico di Piero Vivarelli (Il Dio Serpente, 1970) un’altra commovente citazione. Per questo perdoniamo alla band prodotta da Area Pirata i toni un po’ leccati in fase di missaggio, gli ammiccamenti inutili e le cadute di personalità… Bravi.

[settemeno]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Completa la seguente equazione (anti-spam) *
Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

___◄ R___