«

»

Epo – Ogni Cosa è Al Suo Posto (Polosud Rec., 2012)

Epo - Ogni Cosa E' Al Suo PostoLa musica degli Epo, band napoletana attiva da più di dieci anni, ha sempre mostrato una spiccata propensione cantautorale, o meglio al recupero e alla reinterpretazione della tradizione cantautorale in chiave rock. Se in passato l’elemento indie-radioheadiano era stato predominante, da un po’ di tempo gli Epo trovano il coraggio di spegnere le luci e viaggiare nel brumoso spazio dei sentimenti, senza l’aiuto di particolari artifici. La musica si fa più spoglia, le parole e la melodia salgono a galla, configurando un pop d’autore, tenue e ricercato.

Il risultato rimanda alla scuola romana degli anni ’90 e a certe cose dei Perturbazione, e ancora ai Radiohead più rilassati e cinematografici (pure il titolo del disco paga pegno al gruppo inglese).

Si parte con “Nastro Isolante”, un tiro mancino tutto lirismo e abbellimenti soffusi. In “Venere” la ritmica suona più latina ed estiva, comunque malinconica, per sorreggere la cronaca della fine dell’amore analizzata attraverso ossimori e surrealismi espressionisti, con le labbra che sanno di sale e urla in silenzio… “Perdimi” è un sospiro in crescendo esistenziale, sorretto da una base leggermente più electro e d’atmosfera. “Animali Fragili” è una signora canzone, battistiana fino al midollo. In “Stand Up” si ricercano ritmiche meno usitate e il cantato si muove minimale, con una melodia-flow che è racconto incantato. “Un Fuoco” è il pezzo più rock dell’album, concepito come se fossimo alla fine degli anni ’90. “A Piedi Nudi Sui Vetri” è Montale suonato dagli Elbow e cantato dall’ultimo Max Gazzè. “Notte Doce” è un’interessantissima ballata in napoletano, liricamente affascinante. Probabilmente la canzone migliore del disco. “Tutto Quello Che Ho di Me” è una ballata declinata alla maniera neo-folk, molto delicata ed emozionata.

Gli Epo sanno diluire poesia in fragili arrangiamenti di pop sofisticato, lasciando scorrere stille di rock alternativo e afflati romantici e pessimisti. Le intenzioni sono buonissime e le qualità strutturali permettono tanto. Produttivamente, poi, c’è sempre qualche astuzia che rende la musica piacevole, anche quando un po’ monotona o non troppo originale. Purtroppo l’Italia è satura di cantautorato e simil-cantautorato, e la strada del lirismo si presenta ardua e costellata di insidie. Gli Epo superano la prova, ma è vietato indugiare… la poesia può diventare in un attimo stucchevole.

[sei]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

_<_ _R_