«

»

Cleo T. – And Then I Saw A Million Skies Ahead (Motor Entertainment, 2017)

È toccato all’etichetta Motor Entertainment sfornare il secondo disco di Cleo T., cantante e producer parigina con base a Berlino, adottata da John Parish e presentata come novella Kate Bush. Ben tre anni dopo il suo disco d’esordio, arriva il nuovo disco “And Then I Saw a Million Skies Ahead”. E qui si decide il futuro dell’artista. Se non va bene a questo giro, è finita.

Lasciavamo pure intendere che la Cleo è una cantante dotata, ma “And Then I Saw a Million Skies Ahead” è uno di quei lavori in cui non è possibile scindere la produzione, affidata a Ed Cianfanelli a.k.a. Rodion, dall’eventuale bravura della cantante. A curare la parte strumentale sono stati Adnan Joubran e Tomas Gubitsch. Ci sono loro dietro i suoni di chitarra, tabla, oud, charango, violino e violoncello che si oppongono e si aggiungono alle texture elettroniche. L’impianto analogico, infatti, a parte l’incipit del disco “African Queen”, ha poco spazio effettivo. A dominare sono i synth digitali, come dimostrato dalla seconda traccia “Shine”.

L’album quindi è fatto prevalentemente di suoni processati su beat minimali. E il resto è solo abbellimento inutile. Anche la voce di Cleo T., per certi versi, non riesce a imporsi. Questo perché non sa ancora trasmettere un colore peculiare. Forse non è ancora maturata una personalità artistica e musicale. Concettualmente lei si dà da fare. Il disco dovrebbe contenere riferimenti a Plotino, Malevic, Frida Kahlo e Pasolini.

Ma forse è una scelta. Cleo T. ha voluto nascondersi. Affidarsi totalmente al produttore. Impostare una linea melodica ed espressiva fuori fuoco, squilibrata. Eccetto per “The Devil by Our Side” e “Sunlight Lullaby”, che si consacrano teoricamente alla sensualità ma finiscono per dare l’impressione di una quindicenne con un rossetto rosso fuoco, lo stile assegnato a Cleo T. è quello di gattina che sembra non saper cantare in toni che non siano alti. Le uniche tracce decenti, per suono e interpretazione, sono la già citata “Shine” e “Magic All Around”.

Il sito ufficiale della cantante afferma che la sua musica non appartiene a un genere preciso. In realtà, “And Then I Saw A Million Skies Ahead” appare rigidamente collegato a quell’electro-pop continentale che va benissimo per fare da colonna sonora a teen-drama come Gossip Girl. Non a caso, ascoltando Cleo T. si pensa a band come Sohodolls e Plasticines.

Probabilmente l’ideale, per il futuro di Cleo T. e produttori, sarebbe proprio quello di puntare al pop senza velleità intellettuali e artistoidi. Procurarsi il posto in una colonna sonora da telefilm o serie d’Oltreoceano e incassare un po’ di soldi. Non le consigliamo di continuare a percorrere la strada della spocchia. Va bene la cultura, va bene la sensibilità, ma in certi casi è meglio nascondere la propria saggezza e i propri interessi. Si fa più bella figura.

[cinque]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

_<_ _R_