Anna von Hausswolff – Dead Magic (City Slang, 2018)

Ah, la Scandinavia… Che secondo un sacco di gente è la regione più felice del mondo, e si fa presto a spiegare perché: laggiù ci sono i soldi, le persone conoscono la vera civiltà, la libertà, la natura ancora incontaminata e un’atmosfera di immanente spiritualità, che tocca a tutti, anche ai più gretti. Poi c’è l’altra campana che, anche quando non suona a morto, suggerisce una storia diversa… In questo caso la Scandinavia diventa un posto di merda, desolato, freddo e storicamente contaminato dalla depressione. In effetti, la cultura scandinava, dall’Edda poetica a Munch, dagli ABBA a Burzum, assomiglia a una teoria ininterrotta di cogitazioni angoscianti, di urla irrazionali e terrorizzate di individui alienati, arresi alla solitudine e devastati dal doloroso confronto con una natura mostruosa, inospitale e sciagurata.

Dopo più di mille anni di dialogo attivo con queste terre, ancora non è chiaro con cosa abbiamo a che fare. Di sicuro continuiamo a essere affascinati dal mito del grande nord e a considerare ogni sua nuova espressione artistica come una declinazione di un’arcana e irrisolta sacralità pagana, come una rinnovata eco di disperazione o una perversa celebrazione di un istinto di morte, così lontano dalla nostra pura e semplice paura di soffrire e schiattare. Per forza di cose spalanchiamo la bocca, ammaliati, ascoltando la voce cristallina e oltreumana dell’eterea Anna von Hausswolff, cantautrice svedese, che usa accompagnare i suoi canti sacrali con note allucinate di vecchi organi e rumori sotterranei, imparentati con le deviazioni del drone e del black metal. La von Hausswolff non appartiene al filone heavy, lo frequenta di tanto in tanto (collaborando come guest agli album dei Wolves In The Throne Room, o chiamando a produrre i suoi brani il signor Randall Dunn): Anna, forse, è tutto il contrario di un’artista heavy, perché indugia consapevolmente nella lentezza, ama i lirismi del neoclassicismo e la levità inquietante e pacificatrice di certe pause immense e delle ombre tenui, come lievi suggestioni gotiche.

Nel nuovo album “Dead Magic” la von Hausswolff s’inventa quasi un’estetica. Recupera un po’ del suono doom che le serve a creare l’effetto perturbante, un po’ di drone (essenziale in chiave trascendentale e, in opposizione, immanentista) e il solito organo da funerale protestante, poi aggiunge grandi e profondi archi, strutture progressive, passaggi folk, soluzioni da soundtrack horror, preziosismi da musica da camera, accenti rococò, melodie cupe che stanno a metà tra Wagner e i Dark Tranquillity e, quando meno te lo aspetti, graffi da blues saprofago, tribalismi, medievalismi e spettralismi di una certa raffinatezza… Occultismo, sì, ma più positivo di quanto sia lecito aspettarsi. “Dead Magic” parla di morte, di tenebre assolute, di dissoluzioni e di strazio, ma non cede al patetico e al sentimentalismo romantico. Anna von Hausswolff si guarda intorno e in petto, cioè nell’anima, per cantare la contraddizione eterna della coscienza scandinava, quell’algida e tormentata confidenza con la fine e con il caos che ha a che fare con il silenzio, l’assenza, lo spirito puro. Stranezze, per noi gente del Sud… Anche noi, si capisce, percepiamo intimamente il mistero della morte e dell’angoscia, ma di solito ne riscontriamo il senso assoluto solo negli eccessi e nelle complicazioni della vita, come tragedia. In Scandinavia, invece, dalla morte fanno nascere la bellezza, l’intelligenza e, quando capita, pure la magia.

[sette]

Autore dell'articolo: Giuseppe Franza

cose che mi piacciono: cocacola, nietzsche pre-crepuscolo degli idoli, sonic youth, goleador (alla cocacola), céline, mario bava, controriforma, hegel, le anime morte, penne staedtler permanent, giambattista basile, segnalazioni cinematografiche del centro cattolico, the stooges...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.