«

»

Sziget Festival 2017, la situazione al momento

Facciamo un passo indietro e diamo due info per chi non sapesse di cosa stiamo parlando o per chi, con pregiudizio o posa snob, evita troppo frettolosamente l’argomento: lo Sziget Festival di Budapest è uno dei più grossi festival estivi europei, una specie di tradizione culturale di incontro, scoperta e dialogo per giovani di mezzo mondo e un evento che ogni anno, da venticinque anni, regala nuove suggestioni lungo il corso del Danubio, sull’isola di Obuda.

Un tempo si parlava dello Sziget per la capacità di unire gente e gusti… Gli organizzatori hanno sempre dimostrato una certa apertura mentale nella scelta degli artisti (per esempio, hanno proposto Shaggy e gli Slayer sullo stesso palco, senza che nessuno storcesse il naso) e grande attenzione per le cose nuove, offrendo largo spazio agli esordienti e a band lontane dal circuito dei grandi festival… Ciò è reso possibile dall’altissimo numero di palchi sparsi per l’isola (sessanta) e dall’offerta variegata ed eterogenea, che oltre a proporre concerti promuove performance di danza, teatrali, di street art, laboratori, spettacoli circensi e arie culinarie… Lo Sziget è una vera e propria città della musica, che per sei giorni si autogestisce, aprendosi all’arrivo di migliaia di giovani (nel 2016 in una settimana sono arrivate 450.000 persone)… E quest’anno lo Sziget mira ad accogliere un pubblico ancora maggiore, dal 9 al 15 agosto, grazie alla partecipazione di gente come: Alt-J, Bad Religion, Biffy Clyro, Billy Talent, Interpol, Kasabian, Macklemore & Ryan Lewis, Major Lazer, P!NK, PJ Harvey, Rudimental live, Steve Aoki, The Kills, Two Door Cinema Club, White Lies e molti altri che potrete scoprire visitando il programma del festival.

Sul sito ufficiale (qui nella versione italiana) potrete poi recuperare info su ticket (costa intorno ai 60 euro un giorno singolo, 270 il pacchetto settimanale comprensivo di campeggio base e docce), viaggi organizzati dalle varie città italiane, suggerimenti e vedere foto e filmati degli anni scorsi. Come sempre, la musica italiana è tenuta in grande considerazione lì a Budapest, e quest’anno si esibiranno anche Roy Paci, che allo Sziget è di casa, Le luci della centrale elettrica e altri. Ah, il programma non è ancora chiuso, quindi restate sintonizzati per le prossime band annunciate!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

_<_ _R_