Addio a Sunny Murray, batterista simbolo del free jazz

L’otto dicembre è scomparso a ottantuno anni il batterista free jazz Sunny Murray, strumentista cresciuto artisticamente con Gil Evans e Cecil Taylor nella scena hard-bop di New York, poi membro fondamentale del trio e del quartetto di Albert Ayler, con cui gettò le basi ritmiche ed estetiche del filone free jazz.
Il suo primo album solista arrivò nel 1965, “Sunny’s Time Now”, seguito da tre album storici, come “Sonny Murray” del ’66, “Big Chief” del ’68 e “Homage to Africa” del 1969. La sua ultima incisione come band leader risale invice al 1996: “13 Steps on Glass”…

 

Autore dell'articolo: Giuseppe Franza

cose che mi piacciono: cocacola, nietzsche pre-crepuscolo degli idoli, sonic youth, goleador (alla cocacola), céline, mario bava, controriforma, hegel, le anime morte, penne staedtler permanent, giambattista basile, segnalazioni cinematografiche del centro cattolico, the stooges...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.