Addio a George Michael

Ieri si è spento a cinquantatré anni, presumibilmente per cause naturali, il cantante inglese George Michael. “È con grande tristezza che confermiamo che il nostro amato figlio, fratello e amico George è passato a miglior vita in casa sua. La famiglia chiede sia rispettata la privacy in questo difficile momento”: così recita il comunicato diffuso dallo staff del cantante, nato a East Finchley, nord di Londra, e trapassato nella sua abitazione di Goring, nell’Oxfordshire, in Inghilterra. Nel 2011 era stato ricoverato per polmonite, collegata alla dipendenza dal crack. Non sono ancora ufficiali le cause della sua morte: secondo il manager Michael Lippman il cantante sarebbe deceduto per un’insufficienza cardiaca, mentre la famiglia dice che è morto serenamente a casa. Il pop piange una delle stelle più fulgide degli anni ’80, prima con i Wham! poi da solista. Un divo fragile, sensibile e provocatorio, abile nel veicolare armonie R&B e soul nel gusto leggero e tastieristico della disco music e dell’electro-pop. Il suo lavoro fu spesso frainteso o svalutato dalla critica, ma Michael rimane uno degli autori e interpreti inglesi più amati nel mondo.

 

 

Autore dell'articolo: Music Addiction

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.