«

»

Addio a Charles Bradley

Non ce l’ha fatta Charles Bradley. Alla fine il male che lo aveva preso allo stomaco, scoperto solo l’anno scorso, lo ha sconfitto… Bradley era un soulman dalla voce trascinante ed emotivamente spiazzante. Amava James Brown e il funk. Aveva sempre cantato e sognato di fare il musicista, anche se per più di sessant’anni aveva vissuto ai margini e poi per strada tra New York, Seattle, Canada, Alaska e California. Solo nel 1996 fu scoperto in un locale di New York da Bosco Mann della Daptone Records. Allora Bradley si faceva chiamare Black Velvet, perché la sua voce era così: un velluto nero. Ha inciso tre album. “No Time for Dreaming”, nel 2011, “Victim of Love” del 2013 e “Changes” del 2016. Era un grandissimo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

_<_ _R_