«

»

Johnny Winter – The Progressive Blues Experiment (1969)

“The Progressive Blues Experiment” è da molti considerato il lavoro migliore di Johnny Winter… Si tratta del suo primo disco, suonato insieme a Uncle John Turner (batteria) e Tommy Shannon (basso, attivo nei Double Trouble e nella band di Stevie Ray Vaughan).

Pubblicato originariamente nel 1969 per la leggendaria etichetta blues di Austin, la Sonobeat Records, e poi acquistato per 25.000 dollari dalla Imperial, il disco contiene alcuni dei momenti migliori della carriera del bluesman albino. Il disco coverizza brani storici di B.B. King, del mitico contrabbassista blues Willie Dixon (autore di “You Shock Me”, poi coverizzata anche dai Led Zeppelin), con il quale Winter avrà l’onore di collaborare nel suo successivo e omonimo album, Slim Harpo e Little Walter, virtuoso armonicista di Marksville. Tra i brani originali spiccano le intense cavalcate di blues elettrico intitolate “Tribute to Muddy” e “Black Cat Bone” dove Winter esprime tecnica, velocità, fluidità, percussività e impeto. Il meglio, però, il chitarrista riesce a darlo con slide guitar, armonica e mandolino… Un artista piuttosto sottostimato dal grande pubblico e dalle controculture musicali (ammirato davvero solo dai fan del blues moderno), Winter merita di essere recuperato…

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

___◄ R___