«

»

Anika – Anika (2010)

Anika - Anika(Il day-after del rock)

Scelta singolare quella di annoverare tra i tesori del rock un disco che di rock non ha praticamente nulla, penserete giustamente.

E invece no, perché ciò che rende quest’album del 2010 inequivocabilmente un tesoro del rock, è proprio il suo essere l’incarnazione perfetta del non-più-rock. Anika (il disco, l’artista), di cui non si è parlato a sufficienza al momento della sua uscita, nonostante fosse roba che doveva far tremare i polsi a tutti noi, rappresenta la risposta della musica ad una domanda più che lecita: se il rock è morto, cosa viene dopo?

Prendete Geoff Barrow (storico membro dei Portishead), che si mette in testa di fare un progetto in salsa neo-kraut (come già con i BEAK>), con una vena dubstep e l’utopia di un dark-chillout. Prendete una bionda ossigenata anglo-tedesca, con una voce spettrale e vagamente monocorde. Prendete l’idea di rifare un po’ di cover genere girly anni ’60-’70 in chiave di alienazione post-industriale. Quello che otterrete è ciò che loro chiamano in maniera semplicemente geniale: uneasy easy listening.

Questo disco è low-fi per finta, sa di scantinato berlinese dove la gente suona da dio; sa di freddo e di fumo, ma soprattutto (goduria massima), sa d’indefinito. La stessa etichetta che si sono dati per sfuggire alle classificazioni lo grida a gran voce, anzi lo sussurra perché Anika non grida mai, Anika si canta in bocca. La sua è una vocalità senza ombra di emozione, senza  traccia di calore. Ma è esattamente come deve essere: lei incarna una posa e un’estetica, lei e i suoni che la circondano suggeriscono ambientazioni in penombra, evocano atmosfere sotterranee, e devono farlo in quel modo lì e in nessun altro. Un modo asettico e anaffettivo che però riesce a smuoverti lo stesso.

Qualcuno ha definito questo disco di una bellezza “disturbante”. Forse perché non accarezza, non rassicura. Mette quasi a disagio, ti fa chiedere: «Ma cos’è???».

E’ quello che viene dopo, io rispondo. E quello che ci voleva, aggiungo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

___◄ R___