«

»

Forest Swords – Dagger Paths

Forest Swords - Dagger PathsL’inglese Matthew Barnes, ovvero Forest Swords, autore e responsabile di questo incantato dischetto intitolato “Dagger Paths” (prodotto prima come Ep nel 2010 da Olde English Spelling Bee, poi come CD lungo dalla No Pain In Pop), è uno che ci sa fare. Arrivato al momento giusto, perché vicino alle atmosfere Glo-fi, genere de-genere in cui mischiare hauntologia, rilassatezza chillwave, calma dronica e giretti malinconici di chitarra piena di riverbero.

Il disco suona contemporaneo, vario e misterioso. Elettronico perché strutturato su taglia e cuci, campionamenti, overdubbing, loop ambientali e vocali, ma allo stesso modo umano e narrativo. La musica scivola lenta, contaminando linguaggi psichedelici, folk, dub, sperimentali e, naturalmente, dubstep. Suoni, rumori, frammenti sonori, appaiono e scompaiono con naturalezza, dimostrandosi allo stesso tempo discreti e incisivi. Sembra impossibile, ma non lo è: i particolari sono eterogenei e spesso in contrasto, gli uni contro gli altri armati, ma l’insieme è animato da una continua e molle intensità poetica di riuscito espressionismo. Il manuale di Filosofia di Abbagnano ci spiegava così i modi e gli attributi in Spinoza: il mare è la sostanza; il movimento ondoso che fa muovere il mare sono gli attributi della sostanza; le singole onde sono i modi, che nascono e muoiono, appaiono, scompaiono. Il mare esiste necessariamente anche senza le onde, che sono accidenti che non mutano la sostanza. Presa singolarmente non significa un cazzo l’onda e non cambia il corso marino, ma ne è espressione e parte. E in questo mare ci sono alcune gemme davvero preziose, come la prima traccia, la suggestiva “Miarches”, sostenuta da un basso pieno, graffiato dalle note allucinate di una chitarra trasognante ed esotica. E poi l’onirica cover di Aaliyah “If Your Girl Only Knew”, evocativa e assurda per genesi, senso ed effetti. La spettrale “Visits” richiama l’influenza di Burial, ma è al di là di ogni possibile catalogazione. Stupendo poi il gioco di chitarra in deriva post-rock di “Hoylake Misst”: semplice e ammaliante.

Un mare profondissimo e apparentemente placido di idee dense, cariche di essere, e di non essere.  Non guardiamo all’inganno dalle singole onde concrete, guardiamo, se è possibile, alla sostanza, invisibile. Si può fare, perchè, come diceva Hegel, philosophieren ist spinozieren, filosofare è spinozare.

“Se i filosofi vogliono chiamare spettri le cose che ignoriamo, io non avrò nulla in contrario, perché vi è una infinità di cose che mi sono nascoste” (B. Spinoza)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Completa la seguente equazione (anti-spam) * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

___◄ R___