Archivio Categoria: Recensioni

Recensioni album musicali di Musicaddiction: nuove uscite, album storici e band emergenti.

Gnaw – Cutting Pieces (Translation Loss Records, 2017)

Se al doom è stato assegnato o lasciato l’infame compito di disegnare paesaggi sonori da incubo, di rivelare le atmosfere più malate, schifose e annichilenti e i peggiori orrori della psiche umana, siamo da tempo arrivati all’apogeo catastrofico dell’estetica. Eppure si continua a sperimentare il male attraverso la distorsione e con risultati tutt’altro che banali. …

Continua a leggere »

Ottobre 2017

(ottobre 2017… Referendum sull’indipendenza della Catalogna: il 92% dei votanti sceglie il sì, ma i seggi vengono assaltati o chiusi dalle forze dell’ordine, che sequestrano parte delle schede e arrestano gli attivisti barricati in scuole e per strada. Alla fine dello scrutinio, l’esito non è riconosciuto dal Governo spagnolo e bocciato dal Tribunale costituzionale spagnolo. …

Continua a leggere »

Ninos Du Brasil – Vida Eterna (Hospital Productions/La Tempesta, 2017)

La ricerca etno-esoterica dei Ninos Du Brasil si confronta con il fenomeno del vampirismo, inteso come comportamento naturale, ossia tecnica di sopravvivenza, come simbolo culturale o disturbo psicologico. La questione è quella famosa e sempre evocativa del succhiare sangue altrui per ricavare nutrimento vitale o spirituale: lo fanno le zanzare, certi pipistrelli, le iene, i …

Continua a leggere »

Bully – Losing (Sub Pop, 2017)

Per fortuna esiste un canone grunge che riesce a evitare tutta la pateticità, le ingenuità ideologiche e le contraddizioni esistenziali del grunge storico. Ciò vuol dire che si può suonare grunge senza essere grunge, senza scadere in una fredda od ottusa riproposizione di quella sensibilità che illuse la mitologia rock negli anni ’90 e che …

Continua a leggere »

Ben Frost – The Centre Cannot Hold (Mute, 2017)

Il tema del disco nuovo di Ben Frost è ancora una volta la sostanza delle cose, che non si può afferrare, ma che è evidente, perché se non ci fosse sostanza non staremmo qui neppure a ragionarne. La sostanza, dicevamo, che è una cosa molto pratica ma anche molto metafisica, che si può evocare sottraendo …

Continua a leggere »

Bell Witch – Mirror Reaper (Profound Lore, 2017)

Per il terzo album, “Mirror Reaper”, i Bell Witch hanno mirato a esisti sublimi, di natura più intuitiva che raziocinativa. Dunque secondo modalità espressive più istintive che strutturali. Hanno suonato un’unica avvolgente, inquietante traccia di un’ora e venti. Doom, d’impeteto e movimento ascendente, con una sostanza oscura e turbinosa, che insiste nel suono abrasivo e …

Continua a leggere »

Settembre 2017

(settembre 2017. I Caraibi e gli Stati Uniti vengono duramente colpiti dall’uragano Irma, e alla fine si contano centotrentaquattro morti. Puertorico e Repubblica Domenicana invece si scontrano con l’uragano Maria: quasi cento vittime. Terremoto in Messico e Guatemala, le vittime sono circa trecento; ingenti danni nel Chapas e anche a Città del Messico. Scontri in …

Continua a leggere »

Havah – Contravveleno (Maple Death, 2017)

Un sacco di gente si sorprende scoprendo quanto siano bravi i fascismi a parlare la lingua dello scontento o ad affascinare gli animi annichiliti o nichilisti. Ma è sempre stato così: ce ne eravamo soltanto dimenticati, perché un’altra parte sociale, minoritaria e marginale, s’era impossessata dei sentimenti di disillusione e rabbia, che storicamente appartenevano alla …

Continua a leggere »

Geografie del Suono #40 (Asilo Filangieri, Napoli)

Geografie del suono raggiunge il punto di non ritorno: quello dei primi anta. Il format si è rivelato, come si dice in questi casi, vincente coniugando nello spazio di una serata realtà musicale fuori confine pronte a confrontarsi con gruppi propriamente autoctoni. Alla ripresa dopo la pausa estiva il quarantesimo appuntamento di Geografie, presso l’Asilo …

Continua a leggere »

Kelela – Take Me Apart (Warp, 2017)

Kelela si muove piano, sospesa nella vertigine degli istinti, trattiene a lungo il passo decisivo, come il felino affamato che ha puntato una preda facile ma sospettosa. Ma, nel momento dell’attacco, il predatore malinconico ha già consumato tutta la potenza e il tormento del suo slancio, disperdendo il senso affascinante e innocente di quell’aggressività che …

Continua a leggere »

Post precedenti «

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

_<_ _R_