Archivio Categoria: Trends

Nuove tendenze, idee, proiezioni e inciuci...

Come suona o non suona l’ambient contemporaneo nella compilation “mono no aware”

L’etichetta tedesca PAN ha pubblicato oggi una compilation dedicata al presente progressivo del genere ambient chiamando in causa artisti affermati, giovani promesse e producer coraggiosi che da tempo si confrontano con pattern, armonie e soundscape contemporanei o futuribili d’ambiente, attraverso lo studio dei rumori di sottofondo del mondo umano e digitale, i silenzi, il noise, …

Continua a leggere »

Nightwave, l’egittologa che rianima la techno

Nightwave è una dj, producer, vocalist e remixer slovena attiva da qualche anno a Glasgow e già icona della vita notturna e del suono da club della città scozzese. Di giorno lavora come egittologa, la notte suona grime, Detroit techno, deep house ed electro sperimentale, ricreando spesso trascinanti atmosfere da techno underground anni ’90. Da …

Continua a leggere »

I Korn arruolano Tye Trujillo, figlio dodicenne del bassista dei Metallica

Tra qualche giorno, dal diciassette aprile, i Korn torneranno a suonare live, esordendo in Sud America, ma senza il bassista Reginald “Fieldy” Arvizu, che per problemi di salute ha deciso di prendersi un mesetto di vacanza. Così fino a maggio, Johnatan Davis ha deciso di chiamare come sostituto il dodicenne Tye Trujillo, figlio di Robert, …

Continua a leggere »

DJ Bone è differente: suona techno e avant-electro come Differ-Ent

Mister Eric Dulan aka DJ Bone, autorità della techno detroitiana, è uscito con un album a nome Differ-Ent di groove music contorta e drogata, fatta di bassi rutilanti, pattern di electro spaziale (post-daftpunkiana) e ritmiche nu-tech-ambient. Un evento per la scena old-skool: il suono degli anni ’90 che si confronta con i nuovi traguardi liquidi …

Continua a leggere »

“Gao Rap”, l’hip hop del nord del Mali

Esce a fine mese su Sahelsounds (etichetta di Portland che si occupa spesso di musica nordafricana) una compilation di hip hop desertico, sahariano, dal nord del Mali, qualcosa di totalmente originale, creativo e libero: griot, rap, grime, reggae, synth-pop, house casalinga e lo-fi, tutto mescolato e contaminato… Gli artisti raccolti nell’uscita intitolata “Gao Rap – …

Continua a leggere »

Christian Scott, la tromba jazz più contemporanea che possiate immaginare

Christian Scott è un giovane trombettista di New Orleans… suona jazz, ovviamente, ma è anche abbastanza introdotto nelle cose nuove della musica pop contemporanea, tipo la trap, l’hi-tech, l’alternative hip hop. Poi ha un gusto naturale per i ritmi e gli accenti funk e una passione per le contaminazioni atmosferiche, che sull’esempio di Miles Davis, …

Continua a leggere »

Immondopop: Iggy Azalea rinnova la moda blog house con “Mo Bounce”

La cantante trap australiana Iggy Azalea è venuta fuori con un nuovo singolo intitolato “Mo Bounce” che suona come un pezzo house-pop di metà anni ’00, roba blog house per intenderci, ovvero una combinazione cafonissima e furbissima di electro minimal house rumorosa, eurodance ossessiva inizio ’90 e rigida underground house fine ’70. Tipo 2manyDJs o …

Continua a leggere »

Otim Alpha, il re dell’afrofuturismo

Tra l’Uganda e il Sud Sudan resiste l’antica cultura acholi, una tradizione sociale, etnica e spirituale che conserva un fortissimo legame con la propria terra e con le tradizioni del passato. Eppure c’è chi tra gli acholi non disdegna il confronto con la modernità e l’utilizzo degli elementi della tecnologia per rinnovare ricreare una nuova …

Continua a leggere »

Immondopop: il giochino 8-bit di Beyoncé 

Pur detestando il fatto che una cosa greve fatta di soldi, plastica e grasso come Beyoncé sia diventata la gloria trasversale e post-alternativa del suono pop contemporaneo (contagiando nell’elogio del necessario trionfo della potenza commerciale e della convergenza culturale anche i vecchi come me, che fino a ieri avevano almeno la buona creanza di interpretare …

Continua a leggere »

Max Pearl: i segreti della cumbia a Panama, Perù, Brasile e Trinidad

Colombia, certo, ma anche Caraibi, Panama, Brasile, Trinidad, Perù… Max Pearl, giornalista musicale e ricercatore sonoro appassionato di rare grooves latini, ha compilato un bellissimo mix di cumbia per il bar newyorkese Sisters, recuperando oscuri numeri freak-funk anni ’60, contaminazioni folk-jazz, ballabili caraibici, brani di ispirazione tribale dall’Amazzonia e un sacco di bastardi cumbia dal …

Continua a leggere »

Post precedenti «

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

___◄ R___