Archivio Categoria: Jazz Portraits

Musica Jazz, le biografie dei grandi artisti, la migliore selezione di album di musica jazz tra passato e presente.

Serge Chaloff, baritono dallo swing al bop

Nel 1956, Serge Chaloff registra ai Capital Studios di Los Angeles il suo capolavoro da solista: “Blue Serge”. Con lui ci sono Sonny Clark al piano, Leroy Vinnegar al basso e Philly Joe Jones alla batteria. Tre strumentisti di estrazione bop e hard bop con cui scrive, suona e fissa un album di raffinate variazioni …

Continua a leggere »

Art Tatum, vertigini e virtuosismo

La virtus era per i latini la disposizione spirituale orientata o finalizzata al bene. Ma con lo stesso termine s’indicava pure la forza fisica o l’onore… A chiamarsi così c’era anche una divinità astratta che personificava il valore militare. La parola deriva infatti da vir, uomo, e indicava le doti proprie dell’essere forte e determinato, …

Continua a leggere »

Duke Jordan, in volo con Bird

Irving Sidney Duke Jordan è dai più conosciuto come il pianista del quintetto. E quando, in contesto jazz, si parla di quintetto senza aggiungere nessun aggettivo particolare, nessun anno, specificazione o altro riferimento, si sta ovviamente evocando Charlie Parker. Più specificatamente la band che Bird mise insieme dopo il litigio con Dizzy Gillespie assoldando un …

Continua a leggere »

Pat Martino, jazz senza memoria

Trovo inutile biasimare la volontà di mediazione in campo artistico, soprattutto in contesto jazz, un genere nato e cresciuto popolare, nonostante le diverse declinazioni colte, sperimentali o di ricerca che ha saputo e voluto espremire nel corso della sua storia. Allo stesso modo non riscontro produttività nel criticare quegli artisti che fanno dell’abilità tecnica un …

Continua a leggere »

Joe Henderson

Ci sono giganti che passi loro accanto e non li noti. È perché sanno stare composti, seri, e muoversi con una grazia che non ti aspetteresti. Sembrano far parte dello sfondo. Per trovarli devi solo andare in giro con la testa perennemente rivolta al cielo, guardare le cose da una certa distanza, con prospettiva o …

Continua a leggere »

La nascita del jazz bianco: tre casi italo-americani (ultima parte)

Eccoci così arrivati alla terza ed ultima parte di questa sintetica panoramica all’interno della ben più vasta storia del jazz, vicenda complessa e intricata che ha certamente interessato tutto il Novecento, ma che evidentemente affonda le sue radici nel secolo precedente e che di sicuro continuerà la sua imprevedibile evoluzione lungo il corso del terzo …

Continua a leggere »

La nascita del jazz bianco: tre casi italo-americani (seconda parte)

La seconda parte di questa breve ricognizione storica sulle origini del jazz, e sul ruolo che vi ebbero i musicisti di provenienza italiana, ci porta a soffermarci sulla figura di Eddie Lang, chitarrista attivo tra gli anni Venti e i primi anni Trenta, che nonostante la sua breve carriera (interrotta da una morte prematura e …

Continua a leggere »

La nascita del jazz bianco: tre casi italo-americani (prima parte)

Detto semplice semplice, la ricerca storica è principalmente studio e scavo sulle cause di un evento o sulle modalità di svolgimento di un fatto. Un lavoro che, ovviamente, necessità di fonti scritte oppure orali più o meno valide e consolidate. Anche la storia della musica non è esente da questa impostazione, soprattutto per quanto riguarda …

Continua a leggere »

Albert Ayler, anarchia e scepsi

La storia del jazz è fatta di cesure, grandi rivoluzioni e riconsiderazioni critiche che oppongono stagioni e visioni estetiche, vecchie e nuove sensibilità, spesso in accordo con i cambiamenti storici e culturali del mondo circostante. Intorno alla metà degli anni ’50 una nuova generazione di musicisti afroamericani si mosse contro la standardizzazione del verbo sistemato …

Continua a leggere »

Elek Bacsik, rom jazz

La vita artistica di Elek Bacsik è quella di un chitarrista inquieto e innamorato del proprio strumento, sempre alla ricerca di soluzioni originali e di nuove note da sperimentare. Bacsik seppe infatti confrontarsi con diversi generi, senza porsi limiti o sottostare a pregiudizi mentali, traducendo ogni partitutura e ogni suggestione attraverso il suo speciale e …

Continua a leggere »

Post precedenti «

Continuando la navigazione su questo sito web acconsenti all'utilizzo di cookies. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

_<_ _R_